Un nuovo libro sulla mistica di Siracusa

A quasi 90 anni dalla sua morte, la storica Marilena Mangiafico, ripercorre nella biografia della mistica, le tappe più importanti della sua vita e i carismi soprannaturali che ricevette in dono dal Signore.

Ciò che affascina e conquista chiunque venga a conoscenza della serva di Dio Suor Chiara Francesca di Gesù Agonizzante, al secolo Adelaide Di Mauro è la sua vocazione si vittima del Sacro Cuore, da lei vissuta con serafica intensità.

Nonostante desiderasse dedicare fin da piccola la sua vita a Gesù, Adelaide fu costretta in matrimonio dai suoi genitori. Matrimonio che subì e accettò per puto spirito di obbedienza. Rimase vedova a ventotto anni e decise di entrare tra le clarisse del Monastero di Santa Chiara di Messina. Adelaide cambiò il suo nome in Suor Chiara Francesca, ma non riuscì a pronunciare i voti perpetui per il manifestarsi di eventi soprannaturali (come le estasi e le stimmate ai piedi). Venne trattata male, quasi segregata, poi espulsa.

La vita di Suor Chiara è indissolubilmente connessa alle manifestazioni mistiche che l’accompagnarono in tutta la sua esistenza. Da Gesù ricevette diversi carismi le estasi, le stigmate, il dono della profezia, la comunione mistica.

La sua vita può essere letta in sinossi con quella di Padre Pio da Pietrelcina. Come lui subì la diffidenza e le ostilità di chi non credeva alle sue manifestazioni soprannaturali. Tra questi vi fu un esponente del clero che legò i due casi di San Giovanni Rotondo e di Siracusa, come isterici. Purtroppo per Suor Chiara le cose andarono diversamente, perché  ritirò nella Grottasanta di Siracusa e morì a 42 anni, il 13 settembre 1932. Padre Pio come suor Chiara condivise l’esperienza delle stimmate, l’amore filiale per la madonna, la carità verso il prossimo ed in particolare verso i poveri e i bisognosi e i malati.

Il libro Suor Chiara Di Mauro: una mistica tra il chiostro e il secolo (Lombardi Editore, Siracusa 2019) già presentato a Siracusa, nella chiesa conventuale di frati cappuccini, che custodisce le spoglie mortali della serva di Dio lo scorso 16 giugno, sarà presentato domani alle ore 19 a Siracusa, nella parrocchia di Grottasanta alle 19.