Un incontro indimenticabile

Con queste parole, il direttore della rivista dei frati minori cappuccini della provincia di Sant’Angelo e Padre Pio, fr. Francesco Scaramuzzi, ha definito la visita di Papa Francesco ai luoghi di Padre Pio. Una “giornata storica”, “un momento di intensa comunione e di grande fervore”, “un tempo di particolare intensità e di unione dei cuori nella medesima preghiera”.

Nel suo editoriale, il direttore della rivista, ha ripercorso la giornata del Papa, tra Pietrelcina e San Giovanni Rotondo, definendo i discorsi del pontefice concisi e densi, “da meditare attentamente nella sua interezza”.

Un numero speciale che racconta attraverso foto esclusive e articoli di cronaca “l’incontro eccezionale” del Papa con i devoti di Padre Pio “che sarà un faro sul cammino da proseguire e da aprire nel futuro”. Un incontro che “resterà indelebile nella mente di ciascuno di noi”.

I discorsi del Papa

Il lettore, nel numero di aprile della Voce di Padre Pio, potrà con attenzione leggere integralmente e meditare sui discorsi del Papa a Pietrelcina e a San Giovanni Rotondo. Fr Francesco fa notare che “particolarmente suggestivo” è stato l’invito del Papa a Piana Romana “a imitare l’eroico esempio e le virtù di san Pio” diventando “strumenti dell’amore di Gesù verso i più deboli”.

Particolarmente toccante l’incontro con i bambini della Oncologia Pediatrica, seguito dall’incontro con i frati cappuccini e dalla celebrazione eucaristica nella chiesa all’aperto di San Pio. Il direttore ha ricordato ai lettori che il Papa durante l’omelia “ha richiamato tre eredità preziose che ci ha lasciato il Santo di Pietrelcina: la preghiera, la piccolezza e la sapienza evangelica“.

Pietrelcina e San Giovanni Rotondo

Marianna Morante, giornalista di Pietrelcina, racconta della prima visita di un Papa nel paese sannita, ponendo l’accento sul momento privato del Santo Padre in preghiera nella cappella delle stimmate. Il Papa “affascinato da quel luogo semplice e spartano si lascia andare ad un’espressione eloquente: “che pace che c’è qui“.

 

 

Mimmo Muolo, vaticanista di Avvenire, narra di una visita, intensa, significativa ed indimenticabile. A San Giovanni Rotondo “Francesco invita a vivere la spiritualità del Santo cappuccino”. Una visita “brevissima (4 ore e mezza) che vale però molto di più della sua durata temporale sia per intensità, sia per pregnanza di gesti”. Due secondo Muolo sono stati i messaggi lanciati da Papa Francesco dalla cittadina garganica: “uno ai fedeli del santo, quando ha ricordato che la vita cristiana non è come facebook e non basta dunque mettere un ‘mi piace‘ sulla pagina dei santi”, i santi vanno imitati; l’altro all’Italia e al mondo intero “dominato dalla cultura dello scarto: si scartano bambini, anziani, si scarta la gente quando non produce più”.

Il numero di Aprile, inoltre, espone ai lettori, con un articolo di Simona Marmorino, l’intensa preparazione della visita di Francesco: “preghiera, parola e festa“.

In questo numero non mancano le consuete rubriche della rivista: “Sulla tua Parola“, “Luci su Padre Pio“, “Spiritualità” e “Credere Oggi

Per maggiori informazioni: www.vocedipadrepio.com