La giornata del 27 novembre è cominciata presto per i tanti devoti che alle 6.30 hanno partecipato alla Santa Messa per il saluto alla Vergina Maria di Fatima.

Fr. Francesco Dileo, rettore del Santuario di San Pio, al termine della Santa Messa, dopo la preghiera dell’angelus, inginocchiato dinanzi alla Vergine, ha letto l’atto di consacrazione al Cuore Immacolato di Maria

Subito dopo la partenza. Tra gli “evviva Maria”, l’effigie della Vergine è stata posta in una custodia per il trasporto in Portogallo.

La delegazione Sangiovannese, composta da 43 persone, rappresentanti delle diverse realtà della città (convento cappuccini, casa sollievo della sofferenza, comune di San Giovanni Rotondo) è partita alle 7.15 in autobus: destinazione Roma Fiumicino.

Alle 14,45 la Statua della Vergine è stata trasportata in aereo per il volo verso Lisbona.

Alle 16,38 la delegazione è giunta a Lisbona, poi la partenza in pullman per Fatima.

Alle 19,30 dopo una breve liturgia nella cappella delle apparizioni il Rettore del Santuario di San Pio da Pietrelcina ha consegnato la statua della Madonna di Fatima che è stata riposta nel Santuario della cittadina portoghese.

Per 15 giorni la Madonnina eccezionalmente è stata pellegrina a San Giovanni Rotondo. Eccezionalmente, perché questa immagine di Maria non si sposta ormai da anni dal Santuario di Fatima.

A san Giovanni Rotondo la Madonnina ha raccolto sguardi, preghiere, richieste, ringraziamenti, di oltre 150 mila fedeli che nei giorni scorsi si sono portati nel Santuario di Santa Maria delle Grazie.

Questa mattina, 28 novembre, il Rettore ha presieduto una concelebrazione eucaristica nella cappella delle apparizioni della Madonna di Fatima ai tre pastorelli. Qui ha ricordato l’emozione e la commozione dei giorni vissuti a San Giovanni Rotondo.

Nel pomeriggio, l’incontro tra i rappresentanti del comune di San Giovanni Rotondo con il Sindaco di Ourém (di cui Fatima è frazione), dove sono state poste le basi per un gemellaggio tra le due città. A questo seguiranno altri incontri tra le due realtà.

In serata la elevazione ha partecipato alla fiaccolata mariana dinanzi alla cappella delle apparizioni.