Sede Vacante: lunedì la prima Congregazione Generale

Oggi, primo giorno di Sede Vacante, il Cardinale Angelo Sodano, Decano del Sacro Collegio Cardinalizio, ha convocato i Cardinali alla  prima Congregazione Generale, che comincerà alle ore 9.30 di lunedì 4 marzo nella Sala del Sinodo dei Vescovi. Nello stesso giorno, a partire dalle 17, si avrà la seconda Congregazione Generale.
Gli atti ed i tempi che nelle prossime settimane porteranno all’elezione del nuovo papa saranno scanditi dalle disposizioni della Costituzione apostolica (promulgata da Giovanni Paolo II nel 1996) Universi Dominici Gregis, modificata da Benedetto XVI nel 2007 e con Motu Proprio del 22 febbraio scorso.
Le Congregazioni cardinalizie sono di due specie: una generale, cioè dell’intero Collegio, presieduta dal Decano, e l’altra particolare, costituita dal Cardinale Camerlengo(attualmente Tarcisio Bertone) e da tre Cardinali Assistenti, uno per ciascun Ordine, estratti a sorte tra i Cardinali elettori già pervenuti a Roma. Il loro compito cessa al termine del terzo giorno, ed al loro posto, sempre mediante sorteggio, ne succedono altri in medesima successione temporale. In una delle Congregazioni successive alla prima, è scritto nel documento, i Cardinali affidino a due ecclesiastici di specchiata dottrina, saggezza ed autorevolezza morale il compito di dettare ai medesimi Cardinali due ponderate meditazioni circa i problemi della Chiesa in tale momento e la scelta illuminata del nuovo Pontefice; provvedano a far annullare l’Anello del Pescatore e il Sigillo di piombo, con i quali sono spedite le Lettere Apostoliche; dispongano l’assegnazione per sorteggio delle stanze ai Cardinali elettori; stabiliscano giorno e ora dell’inizio delle operazioni di voto.
Tutti i Cardinali presenti presteranno giuramento di osservanza delle prescrizioni e di mantenimento del segreto.
 

Ieri mattina, al saluto di commiato di Benedetto XVI nella Sala Clementina, erano presenti 144 cardinali su un totale di 207. A nome di tutto il Collegio ha parlato il Cardinale Angelo Sodano, ringraziando il Papa emerito “per l’esempio che ci ha dato in questi otto anni di Pontificato. Il 19 aprile del 2005 ella veniva a inserirsi in una lunga catena di successori dell’apostolo Pietro e oggi, 28 febbraio del 2013, ella si accinge a lasciarci, in attesa che il timone della barca di Pietro passi ad altre mani. Si continuerà così quella successione apostolica, che il Signore ha promesso alla sua santa Chiesa, fino a quando si udirà sulla terra la voce dell’angelo dell’Apocalisse che dirà: Tempus non erit amplius… consummabitur mysterium Dei (il tempo ormai non c’è più… è compiuto il mistero di Dio)! Terminerà allora la storia della Chiesa, insieme alla storia del mondo, con l’avvento di cieli nuovi e terra nuova”.
Dopo aver ascoltato queste e simili commosse espressioni, Benedetto XVI si è così rivolto ai Cardinali: “Venerati e cari Fratelli! Con grande gioia vi accolgo e porgo a ciascuno di voi il mio più cordiale saluto. Ringrazio il Cardinale Angelo Sodano che, come sempre, ha saputo farsi interprete dei sentimenti dell’intero Collegio: Cor ad cor loquitur. Grazie Eminenza di cuore. E vorrei dire – riprendendo il riferimento all’esperienza dei discepoli di Emmaus – che anche per me è stata una gioia camminare con voi in questi anni, nella luce della presenza del Signore risorto. Come ho detto ieri davanti alle migliaia di fedeli che riempivano Piazza San Pietro, la vostra vicinanza e il vostro consiglio mi sono stati di grande aiuto nel mio ministero. In questi otto anni, abbiamo vissuto con fede momenti bellissimi di luce radiosa nel cammino della Chiesa, assieme a momenti in cui qualche nube si è addensata nel cielo. Abbiamo cercato di servire Cristo e la sua Chiesa con amore profondo e totale, che è l’anima del nostro ministero. Abbiamo donato speranza, quella che ci viene da Cristo, che solo può illuminare il cammino. Insieme possiamo ringraziare il Signore che ci ha fatti crescere nella comunione, e insieme pregarlo di aiutarvi a crescere ancora in questa unità profonda, così che il Collegio dei Cardinali sia come un’orchestra, dove le diversità – espressione della Chiesa universale – concorrano sempre alla superiore e concorde armonia. Vorrei lasciarvi un pensiero semplice, che mi sta molto a cuore: un pensiero sulla Chiesa, sul suo mistero, che costituisce per tutti noi – possiamo dire – la ragione e la passione della vita. Mi lascio aiutare da un’espressione di Romano Guardini, scritta proprio nell’anno in cui i Padri del Concilio Vaticano II approvavano la Costituzione Lumen Gentium, nel suo ultimo libro, con una dedica personale anche per me; perciò le parole di questo libro mi sono particolarmente care. Dice Guardini: La Chiesa “non è un’istituzione escogitata e costruita a tavolino…, ma una realtà vivente… Essa vive lungo il corso del tempo, in divenire, come ogni essere vivente, trasformandosi… Eppure nella sua natura rimane sempre la stessa, e il suo cuore è Cristo”. E’ stata la nostra esperienza, ieri, mi sembra, in Piazza: vedere che la Chiesa è un corpo vivo, animato dallo Spirito Santo e vive realmente dalla forza di Dio. Essa è nel mondo, ma non è del mondo: è di Dio, di Cristo, dello Spirito. Lo abbiamo visto ieri. Per questa è vera ed eloquente anche l’altra famosa espressione di Guardini: “La Chiesa si risveglia nelle anime”. La Chiesa vive, cresce e si risveglia nelle anime, che – come la Vergine Maria – accolgono la Parola di Dio e la concepiscono per opera dello Spirito Santo; offrono a Dio la propria carne e, proprio nella loro povertà e umiltà, diventano capaci di generare Cristo oggi nel mondo. Attraverso la Chiesa, il Mistero dell’Incarnazione rimane presente per sempre. Cristo continua a camminare attraverso i tempi e tutti i luoghi. Rimaniamo uniti, cari Fratelli, in questo Mistero: nella preghiera, specialmente nell’Eucaristia quotidiana, e così serviamo la Chiesa e l’intera umanità. Questa è la nostra gioia, che nessuno ci può togliere. Prima di salutarvi personalmente, desidero dirvi che continuerò ad esservi vicino con la preghiera, specialmente nei prossimi giorni, affinché siate pienamente docili all’azione dello Spirito Santo nell’elezione del nuovo Papa. Che il Signore vi mostri quello che è voluto da Lui. E tra voi, tra il Collegio Cardinalizio, c’è anche il futuro Papa al quale già oggi prometto la mia incondizionata reverenza ed obbedienza. Per questo, con affetto e riconoscenza, vi imparto di cuore la Benedizione Apostolica”.