Peregrinatio Crucis

Per la prima volta il Crocifisso delle stimmate del convento dei cappuccini di san Giovanni Rotondo è in pellegrinaggio tra i conventi della provincia religiosa di Sant’Angelo e Padre Pio. La mattina del 20 settembre 1918, padre Pio da Pietrelcina, mentre pregava davanti al crocifisso del coro della chiesetta antica di San Giovanni Rotondo, “sorpreso dal riposo, simile ad un dolce sonno”, riceve da Signore i segni della passione: “la vista del personaggio si ritira ed io mi avvidi che mani, piedi e costato erano traforati e grondavano sangue”. I confratelli di Padre Pio a novant’anni da questo evento prodigioso, accolgono, in questi giorni, “il Crocifisso delle stimmate” presso i loro conventi per sottolineare questo anniversario e creare un forte momento di comunione con il convento di San Giovanni Rotondo, che da secoli custodisce la preziosa reliquia. Il 16 gennaio 2009, la città natale del santo cappuccino è stata la prima tappa della peregrinatio. Con una solenne celebrazione presieduta dal guardiano di San Giovanni Rotondo, fr. Carlo Laborde, il Crocifisso delle stimmate è stato accolto nella chiesa di Santa Maria degli Angeli dove il giovane sacerdote, il 14 agosto 1910, celebrò la sua prima Messa. Il Crocifisso ha sostato per un giorno in Parrocchia e poi, con una solenne processione al termine dell’Eucaristia, il 17 gennaio è stato portato nella chiesa del convento, dove il ministro provinciale fr. Aldo Broccato ha presieduto una Messa solenne assieme alla fraternità. Domenica 18 gennaio alle ore 18,30, con la celebrazione Eucaristica presieduta dall’arcivescovo di Benevento Mons. Andrea Mugione il crocifisso ha lasciato Pietrelcina per tornare a San Giovanni Rotondo. La seconda tappa della Peregrinatio è stato il convento di San Severo dove i cappuccini risiedono dal 1606. Venerdì 23 gennaio, Mons. Lucio Renna, vescovo della diocesi di San Severo, ha accolto l’immagine del Cristo crocifisso, nella vicina chiesa parrocchiale intitolata a Santa Maria delle Grazie, affidata ai cappuccini dal 1937. Subito dopo il crocifisso è stato portato in processione nella chiesa conventuale di Santa Maria degli Angeli. Per due giorni si sono susseguite celebrazioni eucaristiche, adorazioni e veglie.
Domenica 25 gennaio, dopo una solenne concelebrazione eucaristica presieduta dal guardiano, fr. Luciano Lotti, la preziosa reliquia ha lasciato il convento di San Severo per raggiungere in pellegrinaggio Serracapriola dove la popolazione ha atteso con entusiasmo, nella piazza principale, l’arrivo della sacra Immagine. Dopo una breve liturgia d’accoglienza, presieduta dal guardiano dei cappuccini, fr. Osvaldo Carrabs, è stato portato in processione nella chiesa conventuale di Santa Maria delle Grazie dove vi sosterà fino a mercoledì 28 gennaio. In questo convento, fondato nel 1536, Padre Pio vi ha dimorato per un anno, da studente di teologia, nel 1907.