Festa a Napoli per la Beata Maria Gargani

All’inizio della Celebrazione, la superiora generale delle Suore Apostole del Sacro Cuore, madre Gloria Pasquariello, ha ringraziato la “santissima Trinità che ha donato alla Chiesa e al mondo la beata Maria Crocifissa del Divino Amore” e “il Santo Padre Francesco che ha voluto accendere nel firmamento della Chiesa una nuova luce di santità”.

Tre i cardinali presenti alla celebrazione Eucaristica, nel duomo di Napoli, trasmessa in esclusiva da Padre Pio Tv: il card. Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi che ha presieduto l’Eucarestia, il cardCresenzio Sepe, arcivescovo di Napoli e il card. Philippe Nakellentuba Ouédraogo, Arcivescovo Metropolita di Ouagadougou (Burkina Faso), che hanno concelebrato.

Dopo l’atto penitenziale, l’arcivescovo di Napoli, card. Crescenzio Sepe, ha chiesto “di voler iscrivere nel numero dei Beati la Venerabile Serva di Dio Maria Crocifissa del Divino Amore”, quindi la postulatrice delle Suore Apostole del Sacro Cuore, Giuditta Esselen Jurand, ha letto un breve profilo biografico della Gargani.

A questo punto il card. Angelo Amato ha letto, in latino, la lettera apostolica di beatificazione firmata da Papa Francesco, accolta da un grande applauso, durante il quale è stato scoperto il drappo con la sua immagine collocato sull’altare maggiore del Duomo.

Quasi contemporaneamente è stata scoperta da due suore l’urna contenente le reliquie del corpo della Beata, custodita nella cappella della “casa-madre” di Napoli, in zona Capodimonte. Quindi è stata collocata sotto il drappo una piccola reliquia “ex corpore”.

Sulla base della “Lettera apostolica” di Papa Francesco, d’ora in poi si potrà celebrare la festa liturgica della beata Maria Gargani, “nei luoghi e secondo le regole stabilite dal diritto, ogni anno il 24 maggio”, giorno seguente la sua nascita alla vita eterna.

 Maria Gargani è la prima figlia spirituale di Padre Pio che diventa Beata.

 

riproduzione riservata