Liberi nella gioia

Ritorna nel centro storico di Rimini, dal 26 al 28 settembre, l’appuntamento con il Festival Francescano, un modo per portare nelle strade e tra la gente il messaggio del Santo di Assisi.
Promossa e organizzata dal Movimento Francescano dell’Emilia-Romagna, la manifestazione quest’anno avrà come tema “Liberi nella gioia”.  
«La parola stessa, Festival, – ha sottolineato fr. Giordano Ferri, direttore del Festival – richiama il concetto di festa, ferie e felicità. A noi di Festival Francescano è sembrata una suggestione da cogliere senza indugi, quella di riflettere sul tema della gioia nell’ultima edizione a Rimini, città della festa per antonomasia».
Sarà dunque “la vera e perfetta letizia” il filo conduttore degli incontri, delle conferenze, degli spettacoli e delle numerose attività che comporranno il programma del Festival.
La presenza di storici, scrittori, artisti e teologici aiuterà a comprendere il significato della parola “gioia”, sentimento imprescindibile dell’animo umano, cercando di farne emergere gli aspetti più profondi che possano aiutare l’uomo ad aprirsi alla letizia, nonostante le difficoltà della vita.  
«Il Festival 2014 sarà l’occasione per farci guidare dal Creatore della gioia e condividere questo atteggiamento di positività con tutte le Sue creature», ha detto il presidente del Festival fr. Alessandro Caspoli.
I francescani dell’Emilia Romagna hanno accolto l’invito di Papa Francesco che nell’esortazione apostolica Evangelii Gaudium chiama ciascun cristiano a «…prendere l’iniziativa, coinvolgersi, accompagnare, fruttificare e festeggiare”, poiché: “La Chiesa in uscita è una Chiesa con le porte aperte”. “Molte volte è meglio rallentare il passo, mettere da parte l’ansietà per guardare negli occhi e ascoltare, o rinunciare alle urgenze per accompagnare chi è rimasto al bordo della strada».

Tra gli ospiti, il cardinale Luis Antonio Tagle, arcivescovo di Manila; il poeta e scrittore Davide Rondoni; il filosofo Salvatore Natoli che dialogherà con il Presidente dell’Assemblea Rabbinica Italiana Giuseppe Laras.
Non mancheranno momenti di spiritualità e preghiera con l’adorazione eucaristica presso il Monastero delle Clarisse e la possibilità di dialogare con un sacerdote e confessarsi. Nell’anno della canonizzazione, saranno esposte alla venerazione dei fedeli le reliquie di Amato Ronconi (1225 – 1292 ca), terziario francescano proveniente dal riminese.

Per info: www.festivalfrancescano.it