Anna Bartolacelli, una piccola grande donna

Anna Fulgida Bartolacelli nacque , il 24 febbraio 1928 a Rocca Santa Maria, in Provincia di Modena. Come la sorella Ada, nata tre anni prima, Anna ebbe uno sviluppo non normale, dovuto alla mancanza di calcio nelle ossa, che le procurava un indebolimento dell’intera struttura ossea, di conseguenza, numerose e frequenti fratture. Alta solo 60 cm e affetta da nanismo e rachitismo, visse i suoi 65 anni (morì infatti il 23 luglio 1993) in una piccola carrozzina, come un lungo calvario, ma sempre in una gioiosa serenità senza mai far trasparire le sue grandi sofferenze.C’era in lei un’ansia continua di fare apostolato: “l’ammalato per mezzo dell’Ammalato”. Andava verso gli ammalati, o gli handicappati, per manifestare la Parola del Signore, per togliere loro ogni paura e fare scoprire il segreto della felicità, a cominciare dalla vita presente, per poi raggiungere la pienezza della luce nell’eternità. Anna Fulgida sapeva con certezza che l’unico vero modello di vita è sempre il nostro Signore Gesù Cristo! Dal Suo testamento spirituale si leggono parole forti “Conservate in voi la fede: in essa troverete la forza per superare le inevitabili prove della vita. Ricordatevi che il dono della fede è grande e vi renderà contenti anche nel dolore e sappiate che esso purifica. Abbiate un cuore grande per chi soffre più di voi, perdonatemi se avete trovato in me qualche manchevolezza, sappiate però che vi ho sempre voluto tanto bene. Sappiate ringraziare Iddio delle gioie che vi concederà nella vita e come vi dissi sopra, guardate a chi soffre di più, aiutate gli altri a valorizzare il proprio dolore tramite una vita di grazia e a farne fonte di bene per sé e per i fratelli”.

La Causa di Beatificazione Il 18 Ottobre 2008, alle ore 10.00, presso la Chiesa di S. Agostino, a Modena, inizia l’inchiesta diocesana per la Causa di Beatificazione e Canonizzazione della Serva di Dio. Ai microfoni di Padre Pio tv Francesca Consolini che ha collaborato all’inchiesta diocesana ci ha presentato la sua storia e la sua santità.

Guarda l’intervista:

http://www.youtube.com/watch?v=9eK_eW2tAY4&feature=share&list=UU6tZWEYfNqoF8XjF7xA-DHg