38° Giornata Mondiale dell’Alfabetizzazione (05/09/03 11:00)

L’ O.P.A.M., Opera di Promozione dell’Alfabetizzazione nel Mondo, da quasi 30 anni si interessa di promuovere l’istituzione nei Paesi del sud del mondo combattendo l’analfabetismo che impedisce il pieno godimento dei diritti e chiude le porte ad ogni progresso umano autentico, si avvia a celebrare la 38° Giornata Mondiale dell’Alfabetizzazione .

Nel settembre del 1965 i Ministri della Pubblica Istruzione di quasi tutto il mondo – ha ricordato padre Gabriele Fantinati, collaboratore dell’O.P.A.M, ai microfoni di Tele Radio Padre Pio – convocati dall’Unesco a Tèhèran per studiare strategie di lotta contro l’analfabetismo, decisero di indire una giornata mondiale da celebrarsi in tutte le nazioni per sensibilizzare l’umanità sulla disastrosa piaga dell’alfabetizzazione.

L’8 settembre ( questa è la data stabilita per l’Italia ) si celebra la 38° Giornata Mondiale dell’Alfabetizzazione e l’O.P.A.M., intende proclamare con forza, soprattutto in questo giorno, che gli affamati, coloro che non hanno accesso ad una adeguata assistenza sanitaria di base e coloro che vivono in situazioni di oppressione sociale, sono analfabeti.

Indicare nell’alfabetizzazione la strada della pace e del progresso significa fare la scelta dell’uomo e dell’essere, contro le scelte dell’economia e del potere. Un uomo alfabetizzato è una persona formata e in grado di accrescere la propria personalità. E’ una persona che sa difendere la propria dignità e quindi la libertà.
Un uomo libero è difficilmente oggetto di sfruttamento.

L’alfabetizzazione è la strada per la libertà di tutti e quando c’è libertà non c’è pericolo per la pace. Un uomo formato e libero è in grado di garantirsi il proprio futuro facendo scelte economiche appropriate ed aderenti ai bisognosi della comunità in cui vive, perché è in grado di comunicare e riconoscere il comune vincolo della fratellanza che tutti ci lega.

In un’epoca dominata dai mezzi di comunicazione di massa è assurdo che ci sia quasi un miliardo di analfabeti.
Questo è il grido e il messaggio che lanciamo nel celebrare la 38°Giornata Mondiale dell’Alfabetizzazione
”.