Teleradio Padre Pio

Buongiorno, oggi è martedì 28-03-2017, San Castore M.
RSS

Invia la tua preghiera

Invia la tua preghiera

Invia la tua offerta

Invia la tua offerta

Advertising


Centro Italia ferito: oltre il trauma


27-02-2017 - Autore: Michele Ciani Condividi

Centro Italia ferito: oltre il trauma

 

Il centro Italia ha vissuto, durante gli ultimi mesi, pagine di grande tragedia e difficoltà: il terremoto a cui poi si è letteralmente sommata, data la contemporaneità dei due fenomeni, l’immensa e catastrofica nevicata dello scorso gennaio, ha messo in ginocchio la vita economica e sociale di un territorio tra i più belli e carichi di cultura della nostra nazione.
Tante le iniziative di solidarietà che si sono attivate sin da subito per venire incontro a tutte le persone rimaste senza la loro casa, la loro famiglia, la loro storia e quindi la loro identità: volontari e soccorritori tra Vigili del fuoco, Protezione Civile, Croce Rossa, Caritas e tante altre associazioni, sono arrivati da tutta Italia adoperandosi in tutti i modi per portare il proprio specifico aiuto.
Papa Francesco ha fatto addirittura in modo che le mense della Caritas di Roma acquistassero i prodotti e gli alimenti dalle imprese in difficoltà, proprio per sostenere la ripresa economica del territorio.
Ancora molto si deve fare però a livello istituzionale. Centinaia di famiglie aspettano ancora gli alloggi provvisori in legno che, per la solita troppa burocrazia italiana, stentano ad arrivare. I bambini, in molti casi ancora non hanno adeguati spazi per attività di gioco e studiano in scuole fatiscenti e/o pericolanti, che tengono in pensiero i genitori e non lasciano trascorrere la vita con la dovuta spensieratezza ai piccoli. Ed è proprio per loro, per i più piccoli, che bisogna ancora fare tanto…bisogna far loro elaborare il dramma vissuto e così la sensazione di precarietà e instabilità derivanti dal trauma.
L’Ufficio Scolastico della Provincia di Teramo a tal proposito ha attivato il primo corso di formazione “A Scuola di Resilienza. Apprendere ed insegnare dopo una catastrofe”. Il percorso, rivolto agli insegnanti di ogni ordine e grado, ha lo scopo di ricontestualizzare la relazione educativa all’interno delle situazioni di emergenza e di post-emergenza che il terremoto ha generato.
Durante l’incontro di presentazione il Prof. Alessandro Vaccarelli dell’Università dell’Aquila ha detto “I bambini riescono a superare tutto, basta che abbiano un adulto solido accanto. Non bisogna mettere però nessun tappo alle emozioni, partire dalla scuola per ricostruire, è questa la parola chiave”.
Ad Amatrice sono già attivi corsi psicoeducativi per la formazione di insegnanti e genitori: stress e traumi, specie se ripetuti, vanno spesso a colpire l’orizzonte cognitivo ed emotivo soprattutto di chi e’ più vulnerabile e indifeso. Solo dopo un adeguato percorso si può essere in grado di “oltrepassare” un evento critico e tornare alla serenità.
A noi il compito di non lasciare mai sole queste popolazioni. Mai sole nel dolore, fisico, ma anche e soprattutto psicoemozionale. Una legge morale che nasce dentro ognuno di noi e deve spingerci ad una solidarietà autentica e concreta verso chi è in situazione di difficoltà e ci chiede un gesto, un sorriso, ma anche tanta profonda e reale vicinanza.
 

TV


Pensieri di San Pio

Padre Pio
Soltanto il dolore permette ad un'anima di dire con certezza. Mio Dio, vedete bene che vi amo!
Firma Padre Pio

Advertising


Partita IVA 03466760711 - Cod. Fisc. 94067460710